Presentazione

L’Istituto

I.Di.Med. (Istituto per la Promozione e la Valorizzazione della Dieta del Mediterraneo), nasce nel Gennaio 2011 con l’obiettivo di valorizzare e promuovere la Dieta Mediterranea, riconosciuta qualche mese prima dall’UNESCO “Bene Culturale Immateriale dell’Umanità”.
La mission dell’Istituto era di creare una sinergia tra i diversi aspetti legati alla salute, all’identità territoriale e culturale ed allo sviluppo sostenibile, proponendo un modello (sostenibile ed esportabile) di integrazione tra enti pubblici, privati e comparti produttivi e commerciali, che intendono interpretare un ruolo primario nello sviluppo economico, sociale e culturale dell’isola.
Il modello si fonda su una cultura di tipo sistemico-integrato basata sulla logica della partecipazione condivisa e del bottom-up e mirata a dare voce al territorio e ai suoi attori economici, supportandoli con adeguate politiche di messa in rete con le istituzioni di riferimento e offrendo gli strumenti operativi per la gestione di attività ed interventi.
I.Di.Med. si è dotato di una governance flessibile e fortemente centrata sui principi di una gestione economica moderna, solidale, integrata e strategica attraverso la messa a punto di protocolli di intervento strategicamente mirati e funzionalmente finalizzati al raggiungimento di obiettivi chiari e misurabili secondo indicatori di prodotto e di processo quali/quantitativi.
La cultura organizzativa e la mission/vision specifica dell’Istituto si coniugano opportunamente con il suo posizionamento sia sul versante italiano (regioni meridionali – obiettivo convergenza) che su quello dell’Euromediterraneo (regioni a sponda sud, est, ovest), nonché a livello internazionale per il valore profondo che la “Dieta del Mediterraneo”, come stile di vita, riesce a rappresentare a diversi livelli: salutistico, agroalimentare, socio-culturale.
In questi anni l’Istituto si è impegnato a progettare, organizzare e partecipare a eventi di rilievo regionale e/o locale che avessero un collegamento con il tema dell’identità territoriale, del benessere, della salute, dello sviluppo integrato, sostenibile e locale, dell’agroalimentare e del sociale ad esso correlato.
Di particolare rilievo l’interlocuzione che I.Di.Med. ha attivato con alcuni Dipartimenti della Regione Siciliana come quello alle Politiche Agricole e alla Pesca (interfaccia operativa per la partecipazione all’EXPO con il Bio Cluster del Mediterraneo), o quello all’Economia (partecipazione alla commissione interassessoriale per l’Expo 2015), con la presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana, con l’Assessorato alla Salute e poi con tanti enti territoriali (Comuni, Agenzie di Sviluppo locale, GAL, GAC, Distretti scientifici, produttivi e turistici)
I.Di.Med., socio di parte privata del Gruppo di Azione Locale ISC Madonie e membro associato del CIME (Consiglio Italiano del Movimento Europeo), ha sottoscritto negli anni partnership con numerosi Enti e Istituzioni (ANCI-Sicilia, IRCRES CNR, Slow Food Sicilia, ARPA Sicilia, Federparchi, ISDE-Italia …); di recente ha avviato la procedura per il Riconoscimento Giuridico ai sensi del D.P.R. 361/2000.

La Partecipazione societaria a enti/organizzazioni di raccordo
Dal dicembre 2013 socio – parte privata – Gruppo di Azione Locale ISC Madonie
Dal 2014 socio del CIME (Consiglio Italiano del Movimento Europeo)
Aderisce all’Unione delle Associazioni no profit (28 associazioni a livello regionale – Sicilia)